Integris ha presentato ai Digital 360 Awards 2019 Explora Process, il nuovo modulo della piattaforma analitica integrata Explora che permette di analizzare il modo in cui, all'interno dell’azienda, vengono eseguiti i processi di business. Explora Process è stato infatti finalista, nella categoria Big Data Analytics, del premio che il gruppo editoriale creato da Andrea Rangone organizza ogni anno per riconoscere la capacità di innovare delle imprese tecnologiche italiane.

A raccontare il progetto al pubblico della kermesse c'era Daniel Lanaro, presidente di Integris, che dopo aver introdotto brevemente la mission dell'azienda ha tenuto un pitch sulle caratteristiche del prodotto. “Siamo una PMI innovativa nata nel 2013 con un obiettivo molto preciso: realizzare soluzioni, competenze e servizi nell'ambito della Digital Transformation. Per fare questo, il primo atto dell'azienda è stato quello di acquisire due centri di ricerca, due spin off universitari, rispettivamente dell'Università di Pisa e dell'Università della Calabria”.

Il centro di Rende (CS) è diventato la sede principale per la gestione dei progetti di ricerca di Integris, dove un team di data scientist, data engineer e data analyst sviluppano competenze e piattaforme in ambito Data Analytics e Big Data. Il centro di Pisa è invece sede principale del gruppo di NLP (Natural Language Processing) Engineer e collabora a tempo pieno con l’istituto di linguistica computazionale del CNR e con la Scuola superiore di studi universitari Sant’Anna.

Facendo convergere i risultati raggiunti nelle due strutture, Integris ha per l'appunto dato vita a Explora Process, che nell'ambito del Process Mining risponde a una precisa esigenza delle imprese: capire come i processi di business vengono eseguiti quando sono in esercizio. Una nuova dimensione dei Big Data Analytics. Così nuova che Gartner ha da poco cominciato a mappare le imprese e le soluzioni nate intorno a questa disciplina, non a caso inserendo Integris nel novero dei 15 vendor di riferimento citati nella market guide del neonato settore.

“Collezioniamo tutte le tracce digitali lasciate dagli applicativi e dagli utenti che si loggano sui sistemi aziendali, da qualsiasi tipo di fonte”, ha spiegato Lanaro. “Dopo aver effettuato le opportune operazioni di cleaning e di processing, ricostruiamo i vari percorsi lungo cui si sono snodati i processi, le varianti che li hanno contraddistinti e, laddove presenti, le divergenze rispetto a come e a dove era previsto che si sviluppassero”, ha poi continuato il presidente di Integris spiegando come, “ciascun utente può vedere – attraverso una dashboard dotata di un'interfaccia semplice e intuitiva e con l'ausilio di grafici e video (Process Flow) – come ogni singolo processo è stato eseguito”.

Lanaro ha poi sottolineato che Explora Process consente di scoprire se ci sono state anomalie di processo o se si sono verificati colli di bottiglia che l'hanno rallentato. “La piattaforma permette di vedere dove si è creato lo stallo, a prescindere che si tratti di un problema relativo all'intero sistema o a un ufficio specifico. Una volta corrette le anomalie, l'utente può quindi fare dei check e assicurarsi che si siano prese le decisioni giuste. Naturalmente, Explora Process aiuta a organizzare nuovi processi o a ridisegnare quelli già esistenti. Questo è possibile in quanto, come detto, Explora Process è un modulo di una piattaforma più estesa, e i dati raccolti ed elaborati per le attività di Process Mining possono essere in ogni momento arricchiti con quelli provenienti dagli altri moduli”.

cta_guida_pratica_al_tuo_progetto_di_process_mining