Per chi conosce il mondo degli strumenti analitici, l'espressione Process Mining è quasi sicuramente sinonimo di assessment: le piattaforme che attraverso l'elaborazione dei dati estratti dai dataset aziendali consentono di passare i processi ai raggi X e comprenderne il funzionamento sono il più delle volte utilizzate per valutare il gap di efficienza tra lo status quo e il massimo potenziale esprimibile dall'organizzazione. In questo senso, il Process Mining è una prassi estremamente utile quando si vuole misurare l'impatto che inefficienze e colli di bottiglia generano sui risultati di business. Ma il Process Mining permette anche di identificare le misure correttive più consone per ovviare ai problemi riscontrati, e aiuta il management a pianificare l'entità degli interventi e a comunicare le azioni richieste sul fronte delle risorse umane. Il merito va ascritto alla capacità dei sistemi di interpretare i dati correlando cause ed effetti, identificando pattern, regole ed eccezioni che intercorrono tra funzioni, task e obiettivi: risalendo agli elementi, agli eventi o ai comportamenti che provocano rallentamenti di processo, è possibile ipotizzare con buona approssimazione il rapporto costi/benefici legato a ciascun cambiamento.

 

Oltre l'assessment: verso la predizione degli effetti del cambiamento

L'adozione di una piattaforma di Process Mining evoluta rappresenta il primo passo verso la creazione di un nuovo modo di concepire l'organizzazione e la gestione dei processi aziendali. Come beneficio immediato, il Process Mining aiuta le imprese a risparmiare sui costi, a raggiungere il massimo potenziale in termini di efficienza ed efficacia, ma anche a correggere procedure che funzionano sul piano teorico e che invece faticano a integrarsi nel sistema aziendale. Come conseguenza dell'utilizzo prolungato del Process Mining, attraverso il confronto con benchmark di mercato e la verifica delle azioni di fine tuning intraprese, è possibile attivare funzioni di Robotic Process Automation che possono migliorare ulteriormente l'operatività. Ampliando ancora l'orizzonte futuro, e scendendo ancora più in profondità nell'analisi dei dati, si aprirà una nuova prospettiva, grazie alla quale diventerà anche possibile costruire simulazioni dell'organizzazione, veri e propri digital twin che replicano la fisionomia e il funzionamento dell'impresa sul piano virtuale. L'ipotesi è più che suggestiva: agendo sui gemelli digitali si potranno operare ristrutturazioni organizzative e reingegnerizzazione dei processi senza dover intaccare la realtà fisica. A ciascuna variazione del modello digitale, a ciascun input introdotto nell'ecosistema aziendale, corrisponderanno precisi output in grado di evidenziare in che modo le modifiche apportate influiscono sull'efficienza dei processi e, in ultima analisi sull'andamento del business. Quali sono per esempio le ricadute di una riduzione del personale in una certa area aziendale sulle altre divisioni e sulla produttività nel complesso? Quali conseguenze può avere l'adozione di nuove procedure o la collaborazione di nuovi fornitori lungo la catena logistica? Quali risparmi sui costi operativi comporta la graduale somministrazione di iniziative di smart working? Quali risultati si otterranno attraverso l’automazione (RPA) di un segmento di processo, e con quale impatto sull’intero processo? Sono tutte domande alle quali un giorno sarà possibile rispondere prima ancora di avviare la fase di trasformazione, e soprattutto prima di immobilizzare il capitale e mobilitare la forza lavoro. Basterà disporre della giusta piattaforma di Process Mining e alimentarla con dati di qualità.

 

Explora Process di Integris, la nuova frontiera del Process Mining

È esattamente ciò che consente di fare Explora Process, la soluzione offerta da Integris a tutte le imprese che intendono affrontare il tema dell'innovazione coinvolgendo anche e soprattutto i meccanismi che regolano la capacità dell'organizzazione di lavorare con la massima efficienza. Explora Process non si limita a mappare lo status quo, portando alla luce gli elementi di sistema che possono generare disservizi e malfunzionamenti e indirizzando alternative. Grazie all'integrazione con il potente motore semantico di Explora Text, la soluzione di Integris dedicata all'analisi dei dati testuali, la piattaforma è in grado di estrarre valore anche da dati non strutturati, a partire dai file conservati con formati testuali, affinando le analisi e costruendo modelli sempre più accurati. Incrociando queste elaborazioni con serie statistiche e informazioni di contesto, la soluzione accresce costantemente l'abilità di predire l'evoluzione degli scenari in base all'introduzione di specifiche variabili. In questo modo lo strumento non si limita a fungere da supporto per la pianificazione del budget e per la previsione di spesa rispetto a progetti di trasformazione, digitale e non solo, ma diventa un alleato prezioso per imparare a impostare e verificare le strategie di crescita in funzione delle necessità e delle potenzialità del business.

cta_guida_pratica_al_tuo_progetto_di_process_mining